Multi Tabbed Widget

San Pietro della Ienca (Abruzzo): Il Borgo, la Storia, Come arrivare


 


San Pietro della Ienca è un piccolo borgo, in Provincia di L'Aquila, molto vicino ai due paesi di Assergi e Camarda, lungo la Strada Provinciale del Vasto.  E' adagiato sulla vetta di un colle ad un'altitudine di oltre 1100 metri, davanti le maestose vette del Gran Sasso, che sembra proteggerlo con la sua grandiosità mozzafiato.

Il paese si compone di pochissime abitazioni in pietra, un tempo antiche dimore di pastori che pascolavano il loro bestiame sui prati di alta quota, che circondano una bellissima chiesetta, anch'essa in pietra, denominata oramai la "Chiesetta del Papa". Essa, infatti, spesse volte accolse Papa Wojtyla, che amava pregare tra queste montagne e, proprio per questo, è stata consacrata Santuario ufficiale di Giovanni Paolo II.
Fu proprio l'amore che Papa Wojtyla aveva per questo piccolo borgo, che ne incentivò il recupero ed il restauro. San Pietro della Ienca, infatti, rimase per lungo tempo abbandonato, lasciato alla mercé del tempo. Oggi, le antiche abitazioni pastorali sono state restaurate in bellissime dimore in pietra, rispettose della loro antica struttura e della loro antica bellezza. Anche la chiesetta, che si trova proprio sulla cima del colle, è stata restituita a nuova vita, attraverso un sapiente recupero della sua preziosa semplicità, ed è diventata meta di numerosi pellegrini, che la visitano per provare le stesse emozioni che Giovanni Paolo II provava, quando si ritirava qui in silenziosa e mistica preghiera.

All'interno della "Chiesetta del Papa"

Il borgo, del resto, è famoso per la presenza di un altro luogo sacro: l'eremo di San Franco, dal quale nasce l'acqua che sgorga dal fontanile di San Pietro della Ienca, la cui sorgente, secondo la tradizione popolare, fu opera miracolosa di San Franco e sembra avere il potere di guarire dalle malattie cutanee.

La Storia di San Pietro della Ienca

Il borgo di San Pietro della Ienca è stato variamente definito "della Jenca", "della Genca", "della Genga".
Le sue origini devono risalire probabilmente a un tempo precedente all'anno Mille, anche se non compare traccia del paese all'interno del Diploma che l'Imperatore Ottone emanò da Aveia nel 957 d.C.
La sua prima attestazione risale al 24 settembre 1178, all'interno della Bolla che il Papa Alessandro III indirizzava a Pagano, Vescovo di Forcona. Dunque, quando fu fondata la città di L'Aquila nel 1254, San Pietro della Ienca esisteva di già. Il paese, infatti, ne è uno dei villaggi fondatori appartenenti al Quarto di Santa Maria Paganica, insieme ad Assergi, Camarda e Filetto.

Molti hanno spesso ritenuto che il nome di San Pietro della Ienca derivi da quello del Papa Celestino V, "il Papa del Gran Rifiuto" della Divina Commedia di Dante Alighieri, al secolo Pietro del Morrone.
Tuttavia, sembra molto più probabile la sua connesione con l'Apostolo Pietro. Lo stemma del borgo, infatti, rieccheggia le fattezze dell'insegna vaticana, che trae origine dal primo vicario di Cristo. Esso ritrae le due chiavi ferree incrociate, legate da una banda rossa su sfondo giallo. I due colori sono propri di questa zona, rappresentanti il giallo il colore dello zafferano ed il rosso quello della "robbia".

Del borgo di San Pietro della Ienca parla anche l'importante storico locale, Antonio Ludovico Antinori, autore degli Annali di Storia Aquilana. Il paese sembra avere una ricchezza immensa durante l'epoca medievale. Ben presto, però, esso si svuota, subendo una grande emigrazione della popolazione verso la novella città di L'Aquila, attratta dalle possibilità di ricchezza derivanti dall'artigianato.

San Pietro della Ienca, oramai ridotto a poche case e ad un numero esiguo di abitanti, che svolgevano per lo più attività di pastorizia, fu acquisito nel 1568 dal vicino Comune di Camarda a titolo di enfiteusi.

Oggi, San Pietro della Ienca è un piccolo gioiello della terra d'Abruzzo, se non dell'Italia intera.

Il fontanile e la "Chiesetta del Papa" al tramonto


Dove dormire a San Pietro della Ienca: Hotel, Agriturismi, B&B, Affittacamere, Campeggi

  • La Grotta del Papa (Casa Vacanze): San Pietro della Ienca (L'Aquila) - Tel: +39 0862 408059 - Cell: +39 328 5777929



Come arrivare a San Pietro della Ienca. Indicazioni stradali. 

  • In auto: Uscire dall'Autostrada A24 Roma-Teramo, al casello di Assergi. Proseguire lungo la Strada Provinciale del Vasto in direzione Teramo, ignorando la deviazione sulla destra in direzione "Villetta" e "Campo Imperatore". Seguire le indicazioni per "Chiesetta del Papa" o "San Pietro della Ienca". 


Mappa di San Pietro della Ienca






LASCIA UN COMMENTO:





GUARDA L'ABRUZZO NEI NOSTRI VIDEO!